Masterchef: Gilberto e Loretta, è amore? Due cuori e un’aragosta

Lui studente di giurisprudenza. Lei architetto. Entrambe, Gilberto Neirotti e Loretta Rizzotti, nella cucina di Masterchef; entrambe con una vena per la cucina raffinata. Risultato: Dio li fa e poi li accoppia?

Gilberto ama i piatti creativi. Impiattamenti elaborati. Accostamenti coraggiosi, con frutta esotica e pesce. Anche la soia è una sua costante. Loretta, idem, sembra una designer dei piatti. C’è la vista da architetto nelle proporzioni e nei colori. Lui è molto gentleman, lei molto sciura. Probabilmente i due si trovano d’accordo nei discorsi, nel parlare del più e del meno, delle vacanze, della vita in città.

Abbiamo avuto una prova della raffinatezza di Loretta con le aragoste che sa cucinare molto bene, perché, come confessa a Locatelli – un po’ intimidita per paura di fare la “riccona” – quando è con la sua barca a vela di do-do-dodici metri (dice balbettando), in giro per i porti, appena viene a sapere che qualcuno ha pescato un’aragosta, non perde l’occasione di acquistarla.

Ma questo “sentimento” con Gilberto quando è spuntato? Tutto è nato ai tempi del pressure test della 6° puntata nelle cui acque agitate stava per affogare Gilberto. Loretta dalla balconata, in una sorta di versione rovesciata di Giulietta, incitava il suo pupillo a resistere. Tra i fan di Masterchef questo insistente tifo non è passato inosservato. La stessa Loretta ha esclamato: “Si vede forse troppo che tifo per Gilberto?”. Il pressure test è finito bene per il Romeo laureando in legge e dopo un abbraccio intenso pensavamo che tale romanticismo fosse solo un abbaglio.

In realtà, la 7° puntata ci ha confermato il feeling tra i due, feeling sbocciato per via della comune visione di cucinare? In esterna, in brigata insieme, nella squadra arancione, in una prova tutta sul ricreare piatti tradizionali della laguna veneta, Gilberto, contro le indicazioni del “capitano al quadrato” Salvatore e di Federico, pescatore autoctono della laguna, esprime la volontà di fare delle creative schiacciatine decorative con prezzemolo. E ordina a Loretta di farle. Lei risponde con entusiasmo. Sebbene Salvatore e Federico dicano di no con fermezza, Loretta nonostante fosse deputata ai dolci, dà mente a Gilberto, dichiarando: “Io le faccio, poi al massimo non le mettiamo”.

Ovviamente le schiacciatine (oltretutto alquanto bruttine) non sono state aggiunte alla ricetta che si è ribadito più volte doveva restare tradizionale. E la squadra arancione vince l’esterna con risultato schiacciante: gli osti veneti hanno premiato il rispetto della tradizione, contro gli arrangiamenti, le rivisitazioni della squadra blu. Ma se fosse stato per la testardaggine di Gilberto e per l’obbedienza di Loretta cosa sarebbe successo?

** Vedi Gilberto Neirotti, il “milanese imbruttito”

** Vedi le impressioni della prima puntata di Masterchef
** Vedi le 6 perle della 2^ puntata: Cannavacciuolo vs Bastianich sul risotto
** Vedi la finale di Masterchef all class

Lascia un commento

Piaciuto l'articolo? Condividilo!

Articoli correlati

L’ enigma della camera 622 è da leggere? Sì, senz’altro.

Tolo tolo non è un film politico, tutt’al più democristiano

Anche i poveri hanno bisogno di Notre Dame

Lui studente di giurisprudenza. Lei architetto. Entrambe, Gilberto Neirotti e Loretta Rizzotti, nella cucina di Masterchef; entrambe con una vena per la cucina raffinata. Risultato: Dio li fa e poi li accoppia?

Gilberto ama i piatti creativi. Impiattamenti elaborati. Accostamenti coraggiosi, con frutta esotica e pesce. Anche la soia è una sua costante. Loretta, idem, sembra una designer dei piatti. C’è la vista da architetto nelle proporzioni e nei colori. Lui è molto gentleman, lei molto sciura. Probabilmente i due si trovano d’accordo nei discorsi, nel parlare del più e del meno, delle vacanze, della vita in città.

Abbiamo avuto una prova della raffinatezza di Loretta con le aragoste che sa cucinare molto bene, perché, come confessa a Locatelli – un po’ intimidita per paura di fare la “riccona” – quando è con la sua barca a vela di do-do-dodici metri (dice balbettando), in giro per i porti, appena viene a sapere che qualcuno ha pescato un’aragosta, non perde l’occasione di acquistarla.

Ma questo “sentimento” con Gilberto quando è spuntato? Tutto è nato ai tempi del pressure test della 6° puntata nelle cui acque agitate stava per affogare Gilberto. Loretta dalla balconata, in una sorta di versione rovesciata di Giulietta, incitava il suo pupillo a resistere. Tra i fan di Masterchef questo insistente tifo non è passato inosservato. La stessa Loretta ha esclamato: “Si vede forse troppo che tifo per Gilberto?”. Il pressure test è finito bene per il Romeo laureando in legge e dopo un abbraccio intenso pensavamo che tale romanticismo fosse solo un abbaglio.

In realtà, la 7° puntata ci ha confermato il feeling tra i due, feeling sbocciato per via della comune visione di cucinare? In esterna, in brigata insieme, nella squadra arancione, in una prova tutta sul ricreare piatti tradizionali della laguna veneta, Gilberto, contro le indicazioni del “capitano al quadrato” Salvatore e di Federico, pescatore autoctono della laguna, esprime la volontà di fare delle creative schiacciatine decorative con prezzemolo. E ordina a Loretta di farle. Lei risponde con entusiasmo. Sebbene Salvatore e Federico dicano di no con fermezza, Loretta nonostante fosse deputata ai dolci, dà mente a Gilberto, dichiarando: “Io le faccio, poi al massimo non le mettiamo”.

Ovviamente le schiacciatine (oltretutto alquanto bruttine) non sono state aggiunte alla ricetta che si è ribadito più volte doveva restare tradizionale. E la squadra arancione vince l’esterna con risultato schiacciante: gli osti veneti hanno premiato il rispetto della tradizione, contro gli arrangiamenti, le rivisitazioni della squadra blu. Ma se fosse stato per la testardaggine di Gilberto e per l’obbedienza di Loretta cosa sarebbe successo?

** Vedi Gilberto Neirotti, il “milanese imbruttito”

** Vedi le impressioni della prima puntata di Masterchef
** Vedi le 6 perle della 2^ puntata: Cannavacciuolo vs Bastianich sul risotto
** Vedi la finale di Masterchef all class

Lascia un commento

Piaciuto l'articolo? Condividilo!

Articoli correlati

L’ enigma della camera 622 è da leggere? Sì, senz’altro.

Tolo tolo non è un film politico, tutt’al più democristiano

Anche i poveri hanno bisogno di Notre Dame

Torna in cima